La sfilata letteraria di Marcos y marcos: tra novità e riconferme

Marcos y marcos è una casa editrice che sa bene come farsi riconoscere: in libreria, con copertine coloratissime e formati attraenti, e dal vivo, con un espediente originale, cioè una sfilata letteraria delle anteprime della stagione che sta per arrivare.

Marco Zapparoli e Claudia Tarolo sul palco piccolo ma accogliente dei Frigoriferi Milanesi hanno illustrato, copertina dopo copertina, e con modalità differenti (letture, proiezione di video amatoriali e spezzoni di film, immagini…), tutta l’attraente collezione Primavera Estate 2016. Ed ecco quindi, in breve, le succulenti anticipazioni.

Palco

Gennaio si è chiuso con la pubblicazione di tre testi importanti:

  • Ancóra di Hakan Günday, una penetrante e dura narrazione di un bambino che eredita dal padre la professione di mercante di migranti, un testo che ha vinto il prestigioso Prix Médicis – tra l’altro Günday è in tour promozionale in Italia proprio in questi giorni;
  • L’uomo dei dadi di Luke Rhinehart, il primo dei MiniMarcos presentati, una storia sul Caso in chiave comica ed erotica;
  • Dizionario affettivo della lingua ebraica di Bruno Osimo, un altro MiniMarcos, in cui ogni voce ebraica rappresenta un capitolo del romanzo, un piccolo affresco della società ebraica attraverso la personalissima storia di Bruno.

A Febbraio si segnalano due uscite:

  • Il racconto dello sguardo acceso di Franco Buffoni, una raccolta di raccontiBuffoni dall’ampio respiro e dalle diverse tematiche, dal sesso alla denuncia, dalla politica alla letteratura;
  • Tre giusti di Nikolaj Leskov, la cui traduzione è a cura di Paolo Nori, che dopo Tre matti (la raccolta di tre racconti sul tema della follia), dà voce ai racconti prettamente legati allo spirito del popolo russo di quello che Lev Tolstoj definì lo scrittore del futuro.

Si sa, Marzo è il mese dell’inizio della Primavera, la ri-nascita per eccellenza, e non è un caso che proprio in
questo mese troveranno la luce numerosi titoli:

  • Cherryman dà la caccia a mister White del tedesco Jakob Arjouni, una storia breve ma attuale ambienta a Brandeburgo, uno sguardo sull’innocenza violata, una voce fondamentale che è diventata libro di testo in Germania;
  • Parlami d’amore di Pedro Lemebel, un artista cileno imprescindibile che qui raccoglie le sue ultime cronache piene di gioia, nonostante la malattia (un cancro alla gola); fino alla fine infatti fu un uomo pieno di coraggio e di rabbia contro il regime di Pinochet; di lui Roberto Bolaño disse “Lemebel è il più grande poeta della mia generazione, anche se non scrive poesia”;
  • La disfida di Giorgio Caponetti, l’avventura, da Venezia a Trani, dell’ippologo Alvise Pàvari dal Canal, che scoprirà di dover saldare un debito decisamente ingente, un’altra comicissima tappa del giro storico dell’Italia del ciclo di Caponetti;
  • Non ho ancora finito di guardare il mondo di David Thomas, una raccolta di brevi monologhi amari e spassosi, romantici e dissacratori;
  • Chi ero chi sarò di Anna Maria Carpi, una raccolta di poesie dalla copertina straordinaria (un cuore tentacolare su sfondo neutro graffiato di rosso), a cui si affiancherà in Giugno la raccolta poetica Rubrica degli inverni di Paolo Lanaro, poeta di antica data e alta levatura.

Aprile dolce dormire recita il proverbio, non è però il caso di Marcos y Marcos, che offre ai suoi lettori ben quattro titoli:

  • Pinna morsicata di Cristiano Cavina, la seconda storia per bambini dell’autore ravennate, che narra di un delfino che nuota sempre più in profondità a causa della perdita della gioia e deve riprendere le fila della sua tristezza;MiniMarcos
  • Second Hand di Michael Zadoorian, il terzo MiniMarcos, una storia d’amore e di ricerca delle radici, familiari e sentimentali;
  • È ricca, la sposo e l’ammazzo di Jack Ritchie è l’ultimo MiniMarcos della stagione, un breve racconto capace di ingannare il lettore, virandolo verso una specifica direzione per poi, improvvisamente, aprirgli un folgorante finale;
  • Io e Henry di Giuliano Pesce, un interessantissimo (secondo) esordio, un romanzo tagliente di critica sociale ma pieno di umorismo, sicuramente l’uscita da aspettare con più curiosità.

Maggio è senz’altro il mese Paolo Nori:

  • Repertorio dei matti della città di Cagliari e Repertorio dei matti della città di Parma, dopo Bologna, Milano, Torino e Roma, lo scrittore emiliano redige altre due divertenti guide dei pazzi che hanno popolato le città italiane;
  • Chi ha tempo, una raccolta di racconti inediti sul tema del tempo a cura di Paolo Di Paolo (tra gli altri, scritti di Michele Mari, Tiziano Scarpa e Tommaso Pincio);
  • Spinoza di Nori, un’altra tappa del ciclo sull’eroe briccone Learco Ferrari;
  • Penelope Poirot fa la cosa giusta di Becky Sharp, un giallo irriverente e metalettario (il cognome della protagonista vi ricorda qualcuno?) ambientato a Villa Onestà, nelle tranquille – ma solo in apparenza – terre toscane.

La sfilata si è conclusa con le pubblicazioni che accompagnano l’inizio della stagione estiva:

  • Quando faccio una cosa, mi piace farla bene di Carlo Lucarelli: è questo, finalmente, il terzo titolo dell’interessante collana Il mondo è pieno di gente strana (della quale ve ne ho parlato qui), una storia talmente surreale da essere vera, la vita di Jack Unterweger, lo scrittore serial killer che ha vissuto almeno tre vite contemporaneamente;
  • Dobbiamo trovarla di Lisa Gardner, un altro thriller al cardiopalma della bella scrittrice statunitense, che si apre con una donna che si sveglia al buio dentro una scatola di legno;
  • Riga 36 – Goffredo Parise, insieme ad un’antologia critica, è una raccolta di testi inediti e dispersi dello scrittore vicentino, a cura di Andrea Cortellessa e Marco Belpoliti, un testo che qualsiasi appassionato di letteratura italiana dovrebbe possedere.

Inoltre, tra gli eventi promossi dalla casa editrice, ricordiamo tre appuntamenti: il BookSound Fest (il raduno nazionale dei giovani lettori ad Arezzo) che si terrà il 23 Maggio, oltre al corso di editoria Come si fa un libro? tenuto dagli stessi Tarolo e Zapparoli, a partire dal 27 Maggio.

E a giugno, infine, ci sarà la quinta edizione di Letti di notte, la notte bianca del libro e della lettura, una sessione letteraria dal tramonto all’alba partita da Milano e rapidamente diffusasi in tutta Italia, una formula innovativa che non poteva non avere fortuna.

Campionario

È dunque chiaro che nei prossimi mesi il catalogo Marcos y marcos si arricchirà di titoli decisamente accattivanti, voi cosa avete intenzione di leggere?


Questo articolo è uscito anche su Youbookers.

 

Annunci